Per informazioni scrivere a:

contatti

 

 

Prevenzione microbiologica


I microorganismi sono una classe di esseri viventi presenti in ogni luogo della Terra. Anche le persone condividono il proprio corpo con un numero incredibile di questi organismi. Negli ambienti possono instaurarsi microorganismi dannosi per l’uomo (patogeni) che moltiplicandosi a dismisura causano malattie e patologie pericolose per persone e animali. Strumenti e tecnologie atte all’eliminazione di questi patogeni spesso liberano nell’ambiente molecole cancerogene o tossiche, che danneggiano le persone e possono creare microbi resistenti. Microorganismi trattati con composti chimici, a concentrazioni non adeguate, possano sopravvivere al trattamento sviluppando una tolleranza a quel prodotto (farmaco resistenza), al punto da renderlo totalmente inefficace. Trattamenti “violenti”, atti ad eliminare rapidamente il problema, dopo una contaminazione, rilasciano sostanze dannose e spingono numerosi microbi al rilascio di sostanze tossiche (tossine) e spore, che liberandosi incontrollate nell’ambiente, propagano l’infezione ovunque. Inoltre diverse specie di microorganismi sono ozono-resistenti, pertanto insensibili al gas. La prevenzione risulta essere fondamentale anche in questo campo, tanto da essere definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’arma più forte contro le infezioni microbiche.

Ogni anno nel mondo, vengono ritirati migliaia di prodotti dal mercato perché non ritenuti conformi alle leggi che ne garantiscono la qualità e la sicurezza. La causa maggiore di ritiro dal mercato di questi prodotti, consiste nella contaminazione da parte di microrganismi (circa il 50% delle cause totali). Resistendo ai consueti metodi di disinfezione, contaminano gli alimenti arrivando sul mercato indisturbati.

In Italia e nel mondo, il fenomeno dell’inadeguatezza dei trattamenti risulta essere un problema gravissimo anche in campo sanitario e veterinario. Il problema consiste nella capacità di alcuni microrganismi, di guadagnare una sorta di tolleranza agli antibiotici (antibiotico resistenza) e ai disinfettanti normalmente utilizzati per eliminarli. La questione è talmente seria da essere definita dall’OMS (Organismo Mondiale della Sanità) come “una delle maggiori minacce per la salute globale”. Ogni anno nel mondo si riscontrano sempre più malattie resistenti ai farmaci, che non potendo essere curate, possono condurre rapidamente alla morte.

Nel mondo veterinario, il problema risulta essere enorme. Gli animali, concentrati negli allevamenti, sono infatti soggetti a contagiarsi reciprocamente e senza antibiotici efficaci si può sviluppare rapidamente un’epidemia in grado di decimare l’allevamento. Per tale ragioni, il Ministero della Salute ha stilato il “Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020” in data 24 ottobre 2017. Il piano prevede la riduzione del fenomeno della farmaco-resistenza attraverso varie metodologie dove la più importante risulta essere la prevenzione dell’infezione. Il piano, prevede di limitare al minimo l’utilizzo di antibiotici, in modo tale da evitare la nascita di nuovi microorganismi farmaco resistenti, grazie all’utilizzo di adeguati metodi di prevenzione che risolvano il problema alla radice, uno di questi è l'utilizzo dell'ozono.

Un mercato notoriamente attento all’utilizzo di sostanze chimiche e antibiotici è quello dell’alimentazione biologica. Negli ultimi anni, in tutto il mondo, questo mercato è aumentato enormemente. In Europa tra il 2017 e il 2018 si è potuta rilevare una crescita della domanda di frutta biologica del 20%. Tale incremento ha reso il mercato europeo il secondo mercato biologico per importanza, facendo contare 30,7 miliardi di fatturato. Per questo motivo la maggior parte dei Paesi europei si sta prodigando per adattarsi alla crescente domanda, scatenando una sorta di corsa all’oro per accaparrarsi terreni e tecnologie, atte a sostenere questi tipi di allevamenti e coltivazioni. L’Europa, ha così stilato un nuovo regolamento (848/2018), il quale entrerà in vigore nel 2021 e definirà, tra le altre cose, le regole atte alla prevenzione nelle coltivazioni e negli allevamenti biologici. La direttiva è madre di un affermata regolamentazione statunitense NOP (National Organic Program) dove l'uso dell'ozono è stato già approvato e consigliato nel 2002.

L’ozono è in grado di compiere un’azione preventiva e naturale contro la contaminazione da microorganismi e loro tossine, adatta per trattare vari tipi di alimenti e superfici, tutto in maniera totalmente naturale. Le peculiari caratteristiche dell’ozono gli permettono di raggiungere ogni luogo, garantendo una prevenzione totale contro la contaminazione di molti agenti microbici. Specifici trattamenti con l’ozono, permettono di allungare il tempo di conservazione degli alimenti senza alterarne le caratteristiche organolettiche.

La speciale tecnica di regolazione dell’ozono, presente nei generatori OZOGENESIS, unica nel suo genere in ambito Europeo, è in grado di prevenire, in maniera rapida efficiente ed ecologica, la replicazione di microrganismi dannosi, riuscendo inoltre ad aumentare la durata di conservazione degli alimenti trattati. Grazie a queste caratteristiche, gli ozonizzatori OZOGENESIS sono ideali per il trattamento di molti alimenti. I generatori di ozono OZOGENESIS risultano essere la scelta migliore anche per trattare elementi come: botti di legno, botti di vino, botti di birra, celle frigorifere, celle di stagionatura, banchi frigo, tavoli di lavoro, condizionatori d’aria, camere bianche, stalle, impianti di lavaggio, impianti di fermentazione, fermentatori, ecc. Nel campo dell’allevamento, l’utilizzo abituale di trattamenti all’ozono, per trattare mangimi, locali e superfici a contatto con gli animali, previene la proliferazione di microrganismi dannosi.

Le ridotte dimensioni, la praticità ed i bassi consumi dei generatori OZOGENESIS uniti all'elevato rapporto qualità/prezzo ne fanno un’ottima scelta per allevamenti di animali (polli, galline ovaiole, mucche, maiali, conigli, piccioni, salmoni, trote, orate, cozze, ostriche, conigli, pecore, capre), aziende agricole, ortofrutta, macellerie, pescherie, caseifici, birrifici, cantine vinicole, alimentari, salumifici e tante altre ancora.

N.B. Il testo presente in questa pagina è stato redatto dalla TISSOR s.r.l secondo le proprie ricerche e sperimentazioni, a parte quanto citato da altre fonti. Il contenuto è di esclusiva proprietà intellettuale della TISSOR s.r.l. è vietato qualunque uso, duplicazione e trascrizione se non espressamente concesso in forma scritta dalla TISSOR s.r.l.

TISSOR S.r.l.
Loc. Loglio Di Sotto 6/D
27040 Montù Beccaria (PV)
Italy

P. IVA IT02501390187

Realizzato da BASE315

Privacy Policy Cookie Policy